Lumières d’Afriques Exhibition – Visual Identity

Angelini Design realizza il logo e tutti i supporti di comunicazione visiva per Lumières d’Afriques, la mostra itinerante che comprende 54 artisti provenienti dai 54 Paesi che costituiscono il continente africano: un evento artistico storico, che ha riunito in un’unica rassegna le creazioni elaborate sul tema “Illuminated Africa”.

La prima tappa dell’evento è stata allestita al Théâtre National du Chaillot di Parigi a novembre 2015, in concomitanza del COP 21, la conferenza sui cambiamenti climatici organizzata dalle Nazioni Unite. L’organizzazione della mostra è stata curata dall’associazione African Artists for Development con il supporto di Orange, Schneider Electric Foundation, il Théâtre National du Chaillot e Tilder.

L’obiettivo di Lumières d’Afriques è attirare l’attenzione di tutto il mondo sul tema dell’elettrificazione dell’Africa. La sfida per Angelini Design è stato trovare un trattamento sintetico ed efficace per comunicare il tema dell’elettrificazione, senza utilizzare canoni visivi e cliché già utilizzati per descrivere l’Africa tradizionale.

Gli artisti attraverso le loro opere hanno raccontato quale enorme progresso rappresenti l’accesso all’energia elettrica per i Paesi africani; Angelini Design ha dato a questi artisti e alle loro creazioni l’immagine ideale, che ritroviamo nel logo: una stilizzazione del continente africano realizzata con linee saettanti, a rappresentare l’energia elettrica e il progresso in movimento.

Lo stesso logo è stato realizzato in grande formato utilizzando il neon ed esposto all’ingresso della mostra. Anche la segnaletica interna, i pannelli informativi e il visual sul pavimento hanno seguito lo stesso fil rouge, donando all’evento una coerenza visibile e tangibile.

Angelini Design ha realizzato anche le pagine pubblicitarie dell’evento e le affiches di grande formato apposte sul fronte di Palais Chaillot, sede parigina della mostra. Ovviamente non poteva mancare la comunicazione online, con un sito realizzato ad hoc e una serie di banner e comunicazioni sui social che hanno contribuito al successo della mostra.

Il sito internet, in particolare, è stato realizzato in modo che sia facilmente aggiornabile, dando l’idea di quella costante evoluzione che traspare dalle opere esposte. La mostra è già stata allestita a Parigi e in Costa d’Avorio, e continuerà il suo viaggio in altri Paesi africani.

A Palais Chaillot ci sono stati oltre 20.000 spettatori e una copertura capillare è stata garantita dai principali canali televisivi francesi e internazionali.

Specifiche