Olio Garofalo

Il grande pastificio di Gragnano ha lanciato nel 2014 il suo olio extravergine d’oliva. Angelini ne realizza la grafica delle etichette – costruita intorno al logotipo Lucio Garofalo – e il copy che invita a leggere la contro-etichetta.

L’olio Garofalo non presenta differenze di mercato rilevanti rispetto ai prodotti pasta. Anche in questo caso, infatti, il marchio si pone a garanzia di un prodotto che punta sulla qualità e sul gusto. Il brief del cliente è quindi quello di sottolineare la firma Garofalo, con una grafica che esprima cura, attenzione, “trasparenza” e avvicinamento al cliente.

Come nel packaging realizzato per la pasta, Angelini propone un trattamento grafico moderno e di rottura, che reinterpreta con coraggio il posizionamento nella fascia d’alta qualità dell’olio extra-vergine, anche nella grande distribuzione. La scelta di spezzare la parola “Olio” in una grafica essenziale, ma inaspettata, vuole fare del prodotto il vero protagonista della comunicazione. La troviamo così divisa in due sillabe, una sopra e l’altra sotto alla firma autografa di Lucio Garofalo.

Il copy sul fronte “C’è una storia dietro” suggerisce la lettura del retro indicante le particolarità dell’olio: la composizione, il periodo di raccolta, il tipo di raccolta manuale e il frantoio. Il racconto di una grande famiglia di solisti che cantano da soli o in gruppi, guidati da un direttore d’orchestra magistrale: il mastro oleario Garofalo

Specifiche